La Proclamazione del Nuovo Comandamento di Gesù

Nel 2019 questa giornata storica compie 60 anni!

della Redazione
|
Martedì | 20 Agosto 2019 | 20:15

Durante la sua giornata sulla Terra, Gesù, il Cristo Ecumenico, il Divino Statista, trasmise insegnamenti, parabole ed esempi di Amore e di Giustizia Divini, compresa la Legge capace di trasformare per sempre l’Essere Umano e di fargli capire l’origine e l’obiettivo dell’esistenza.

Dopo quasi due millenni, fu rivelato in Brasile un concetto rinnovatore e riconfortante: il 7 settembre 1959, nella città di Campinas, l’indimenticabile proclamatore della Religione di Dio, del Cristo e dello Spirito Santo, Alziro Zarur (1914-1979) fece la Proclamazione del Nuovo Comandamento di Gesù:

«Amatevi come Io vi ho amato. Soltanto così potrete essere riconosciuti come miei discepoli, se avrete lo stesso Amore gli uni per gli altri» (Vangelo secondo Giovanni, 13:34 e 35).

Arquivo BV

Durante la Proclamazione del Nuovo Comandamento di Gesù, il 7 settembre 1959, la folla saluta Alziro Zarur (1914-1979) presso l’antico Ippodromo del Bonfim, nella città di Campinas (Brasile), oggi Piazza Legione della Buona Volontà. 

Il testo qui di seguito presenta tale storia, scritta nella prima pubblicazione1 dell’Accademia Gesù, il Cristo Ecumenico, il Divino Statista — fondata nel 2007 da José de Paiva Netto, Presidente Predicatore della Religione di Dio, del Cristo e dello Spirito Santo e presidente della Legione della Buona Volontà (LBV).

L’Accademia ha per scopo eliminare il settarismo con cui alcuni interpretano gli insegnamenti ecumenici ed eterni dell’Accademico Celestiale in ogni campo del sapere spirituale e umano.

Cerca inoltre di presentarlo in modo irrefragabile all’Umanità, dimostrando «la ristrettezza di qualsiasi campagna sfrenata di riduzionismo di ogni significato divino e umano di Gesù» secondo la definizione del fondatore di questo forum di idee e di studi.

Tela: Madox Brown

Lo Spiritualmente Rivoluzionario Ordine Supremo del Divino Maestro rappresenta la singolarità della Religione di Dio, del Cristo e dello Spirito Santo ed è il fondamento di tutte le sue azioni di promozione spirituale, sociale e umano, per mezzo della forza dell'Amore Fraterno, portato da Lui al mondo.

La Divina Sapienza del Nuovo Comandamento di Gesù

Accademia Gesù, il Cristo Ecumenico, il Divino Statista —

Il leader della LBV, Paiva Netto, risveglia nei cuori la coraggiosa decisione di fare il Bene vincendo ogni avversità, avvalendosi del Nuovo Comandamento del Cristo di Dio come forza motrice che ci sprona ad andare avanti, nonostante gli eventuali ostacoli del cammino.

Lui dice:

«Ogni creatura di Buona Volontà, a partire dallo straordinario esempio di Gesù, diventa capace di sviluppare il coraggio perfino dal dolore, e di raggiungere la vittoria promessa da Lui a coloro che perseveranno nelle sue parole, condotta e opere.»

Qui di seguito presentiamo alcune fatti storici fatte da Paiva Netto al riguardo della Proclamazione del Nuovo Comandamento di Gesù, tratte dall’intervista che concesse il 23 dicembre 1983 nella città di Uberlandia, Brasile, al radiocronista Toni della stazione radiofonica di Uberaba Sociedade, durante il Congresso Internazionale Gesù Sta Arrivando! della LBV; dal suo discorso d’inaugurazione dell’Auditorio Alziro Zarur a São Paulo (Brasile), il 21 luglio 1984; e dalla predicazione nella serie radiofonica «L’Apocalisse di Gesù per i Semplici di Cuore» il 24 gennaio 1991:

Paiva Netto —

Uno degli atti più commoventi e decisivi della Storia – il tempo lo proverà – fu la Proclamazione del Nuovo Comandamento di Gesù, fatta da Alziro Zarur il 7 settembre 1959 nella città di Campinas, Brasile, nell’antico Ippodromo del Bonfim (oggi Piazza Legione della Buona Volontà), che all’epoca era lo spazio pubblico più ampio della città, capace di ricevere la folla che andò ad ascoltarlo. Una pagina così espressiva è il fondamento celestiale della Religione di Dio, del Cristo e dello Spirito Santo, perché esalta l’Amore dell’Architetto dell’Universo2 tramite suo Figlio Gesù e dell’azione permanente del Paraclito (o Spirito Santo). E l’origine di tutto questo è la Buona Volontà Divina3.

La visione che la Sapienza intrinseca al Comandamento Nuovo del Cristo Ecumenico, il Divino Statista, ci svela rende comprensibile l’incomprensibile; sopportabile l’insopportabile. Per questo motivo nel Trattato Universale sul Dolore4, quando ci riferiamo alla Legge del Cristo risaltiamo che – se ci integriamo con essa – faremo sì che l’intollerabile diventi tollerabile e che perfino la disperazione diventi speranza.

Zarur scelse la data del 7 settembre 1959 per parlare ai popoli della Terra della liberazione spirituale di ognuno, perché concluse che qualsiasi libertà politica, sociale ed economica è incompleta, o addirittura falsa, se non viene illuminata da quella che dall’Alto discende su di noi:

«Conoscerete la Verità [di Dio] e la Verità [di Dio] vi farà liberi» (Vangelo secondo Giovanni, 8:32).

Il 7 Settembre 1822 è la Data Nazionale del Brasile quando Pedro de Alcântara (1798-1834) in qualità di principe reggente proclamò, secondo la tradizione storica brasiliana, sulle sponde del torrente Ipiranga a São Paulo, «Indipendenza o morte!».

Dopo la Proclamazione dell’Indipendenza, divenne Pietro I, Imperatore del Brasile. In Portogallo fu nominato Pietro IV alla morte di suo padre Giovanni VI (1767-1826).

Il romanziere Joaquim Manuel de Macedo (1820-1882), medico, giornalista e professore di Geografia e Storia del Brasile presso il Collegio Pedro II, nell’opera Ano Biográfico, vol.III, immortala la famosa frase di Pietro I detta al maggiore Miguel de Frias (1805-1589) — ufficiale d’ordinanza del comandante in capo, brigadiere generale Lima e Silva (1785-1853) — al momento dell’abdicazione al trono brasiliano in favore di suo figlio, il futuro Pietro II (1825-1891), che allora aveva 5 anni d’età, in data 7 aprile 1831. Dice il rinomato autore di A Moreninha (La Morettina):

Tra lo stupore dei presenti, nel consegnare al maggiore Frias il foglio di carta dichiarò:

─ Eccovi la mia abdicazione.

E commosso, dinanzi al silenzio di tutti:

─ Desidero che siate felici. Mi ritiro in Europa e lascio un Paese che ho sempre amato e che amo molto.

Musica dell'Oratorio Il Mistero di Dio Rivelato - Musica per confortare e amenizzare i dolori di tutti coloro che soffrono: 

 

Invia le tue domande e i tuoi commenti su quest’argomento e su altri argomenti quotidiani alla Religione di Dio, del Cristo e dello Spirito Santo. Lascia che la Spiritualità Ecumenica faccia parte della tua vita! E se questo contenuto ti fa bene, condividilo! Potrà toccare il cuore pure di molti altri.

__________
Paiva Netto e la Proclamazione del Nuovo Comandamento di Gesù – La saga eroica di Alziro Zarur (1914-1979) sulla Terra, opera lanciata nel 2019, durante le celebrazioni per i 60 anni della Proclamazione.

Nota di Paiva Netto:
Grande Architetto dell’Universo — Espressione solenne con cui i Fratelli massoni si riferiscono a Dio, il Creatore degli Universi.

Nota di Paiva Netto:
Buona Volontà Divina
— Alziro Zarur insegnava che «Buona Volontà non significa buona intenzione. Buona Volontà è la volontà buona, ferma, decisa, che sà ciò che vuole, illuminata dalla Verità e dall’Amore. Non ha niente a che vedere con le buone intenzioni con cui, secondo il proverbio, “è lastricato l’inferno”». Leggi di più sull’argomento nel libro Sagradas Diretrizes Espirituais da Religião de Deus, do Cristo e do Espírito Santo [Sacre Linee Guida Spirituali della Religione di Dio, del Cristo e dello Spirito Santo], volumi 1, 2 e 3.

4Trattato Universale sul Dolore — Opera di Paiva Netto lanciata nel 1990 e rilanciato da Casa Editrice Elevação con il titolo Como Vencer o Sofrimento [Come Vincere la Sofferenza], che ha già venduto più di 250 mila di esemplari.

Fai clic per votare